Con l’avvento di Windows 8 molti utenti hanno riscontrato problemi nel DualBoot con Ubuntu: il motivo principale è l’implementazione della tecnologia UEFI nei moderni PC che crea vari problemi al bootloader di Ubuntu (GRUB);

In questo articolo voglio riportare la mia personale esperienza fatta con un portatile appena comprato con Windows 8 preinstallato e tecnologia UEFI abilitata nel quale, dopo varie peripezie, sono riuscito a far funzionare correttamente il Dualboot fra Windows 8 e Ubuntu 12.04.

Per la risoluzione dei problemi da me riscontrati ho trovato di fondamentale importanza il WIKI di Ubuntu, dal quale riporterò molti dei passaggi necessari con alcune precisazioni.

Il problema da me riscontrato: dopo aver installato Ubuntu, al primo riavvio non è apparsa la schermata di GRUB ma semplicemente si è avviato Windows 8 senza darmi la possibilità di scelta fra i 2 sistemi operativi installati nel PC, cosi andando a spulciare nel BIOS ho scoperto che era attiva la tecnologia UEFI.

Il canale Telegram di InTheBit con le migliori offerte techle migliori offerte tech

Ovviamente la prima cosa che ho fatto, è stata quella di disabilitare il UEFI attivando l’opzione Bios Legacy, risultato? Al riavvio ritrovo finalmente la schermata di GRUB che riporta sia Ubuntu che Windows: Ubuntu si avvia perfettamente – “finalmente ho risolto!” – ma ovviamente non poteva essere cosi semplice :-), infatti al primo avvio di Windows 8 ecco apparire uno degli errori “terroristici” di Windows (riabilitando UEFI dal BIOS tornavo alla situazione iniziale in cui si avviava solo Windows e Ubuntu non veniva neanche menzionato)

0xc000007b

Vediamo quindi come evitare tutto ciò eseguendo una corretta installazione di Ubuntu.

Questa guida potrebbe provocare il danneggiamento/perdita di Windows, non mi assumo alcuna responsabilità per eventuali problemi e/o malfunzionamenti. 

PRIMA DI INIZIARE

Verifica che il tuo PC abbia la tecnologia UEFI abilitata, ci sono vari metodi:

  • Leggere la scatola o il manuale del nostro PC sulla quale “dovrebbe” essere riportata questa informazione
  • Spulciando fra le voci del Bios dovresti vedere una qualche opzione che indichi la modalità UEFI
  • Dal Gestore Dischi di Windows, se risultasse attiva la modalità EFI/UEFI dovresti vedere una piccola partizione in fat32 che riporta nell’etichetta un riferimento a EFI come mostrato nell’immagine

gestore dischi

Se il tuo PC non ha la tecnologia UEFI puoi procedere con la normale installazione di Ubuntu senza alcun problema seguendo la nostra Guida per il Dualboot fra Ubuntu e Windows in caso contrario continua la lettura di questo articolo.

INSTALLAZIONE DI UBUNTU COMPATIBILE CON EFI/UEFI

La tecnologia UEFI è supportata da Ubuntu con versione uguale o superiore alla 12.04 e con architettura 64bit, scarichiamo quindi una versione che abbia questi requisiti dal sito ufficiale.

Nei moderni PC spesso è attiva anche la tecnologia Secure Boot, la quale non è ancora pienamente supportata da Ubuntu, è consigliato quindi recarsi nel BIOS e, nel caso in cui vi fosse la voce Secure Boot disabilitarla.

Creaiamo il Live CD/DVD o Live USB della versione di Ubuntu che abbiamo scaricato e procediamo con la normale installazione di Ubuntu con l’unica accortezza di selezionare in fase di boot la voce relativa alla versione UEFI di Ubuntu come mostrato nell’immagine (riconoscibile dall’etichetta UEFI nella voce del menu)

uefi boot

Per una guida dettagliata sull’installazione di Ubuntu segui la nostra precedente guida, il procedimento è analogo e l’unica differenza come detto, è quella di selezionare la giusta versione di Ubuntu.

POSSIBILI PROBLEMI

Hai seguito la guida ma in fase di avvio il menù di boot non presenta la voce UEFI (come mostrato nell’ immagine precedente)?

Hai sbadatamente installato Ubuntu con la modalità standard e hai il UEFI abilitato?

Nessun problema! vediamo come risolvere:

Installando Ubuntu con la modalità standard probabilmente noterai che al riavvio non comparirà GRUB ma partirà in automatico Windows 8, questo perchè durante l’installazione standard, viene installato grub-pc e non grub-efi, di conseguenza non verrà sovrascritto il bootloader di Windows (che risiede nella partizione EFI).

Fortunatamente verrà in nostro aiuto Linux-Secure-Remix che sistemerà il GRUB in modo automatico, vediamo come:

  • Linux-Secure-Remix è una distribuzione derivata di ubuntu che integra al suo interno vari Tool, tra i quali quello che a noi interessa: Boot Repair
  • Scarichiamo Linux-Secure-Remix | Download
  • Creiamo il Live CD/DVD o Live USB di Linux-Secure-Remix come per una qualsiasi distribuzione linux
  • avviamo in modalità Live Linux-secure-Remix: noteremo che è identico a Ubuntu, ma nella dock laterale ritroveremo l’icona di Boot Repair, connettersi ad internet prima di procedere.

boot-repair

  • Avviamo Boot Repair e selezioniamo “advanced options

boot-repair1

  • Spostiamoci nel TAB “GRUB LOCATION
  • Selezionare la riga Separate /boot/efi partition e fare clic sul pulsante Applica. (controllare che il disco sia quello corretto)
  • Boot Repair procederà a correggere il GRUB: verrà richiesto di inserire manualmente alcuni comandi nel terminale ma è tutto spiegato dal programma stesso e non dovresti avere difficoltà nelle varie operazioni.

terminata l’operazione possiamo riavviare e verificare che tutto funzioni correttamente, adesso dovrebbe apparire GRUB anche con la modalità UEFI.

Questa guida è riferita ad Ubuntu 12.04 ma nulla vieta di applicarla a versioni successive di Ubuntu e delle sue derivate, facendo attenzione a selezionare in ogni caso l’architettura a 64bit.