Era l’ormai lontano 2012 quando Google lanciò il primo Nexus in versione tablet, il Nexus 7, che ancora adesso riesce a competere con molti dei tablet in commercio, ma diciamocela tutta: il peso degli anni inizia a sentirsi durante l’uso quotidiano, microlag, applicazioni che si avviano con qualche secondo di troppo ed altri piccoli aspetti che potrebbero infastidire chi ricerca la fluidità massima.Non dimentichiamoci però che quello che abbiamo tra le mani è comunque un Nexus, e come tale, basterà un pò di modding per renderlo più prestante della maggiorparte dei tablet che troverete domani sugli scaffali del Mediaworld 🙂

TEORIA- Quali operazioni andremo ad effettuare?

  1. Installazione di una Rom che esalti le prestazioni e non appesantisca troppo il Nexus 7, nello specifico la Purity basata su Android 4.4.4, una rom essenziale, con poche funzionalità aggiuntive rispetto ad Android Stock ma più reattiva.
  2. Installazione di un Kernel che sfrutti a dovere l’hardware del Nexus 7, ho scelto dopo varie prove l’ M-Kernel che oltre ad innumerevoli funzionalità come ad esempio il Touch To Wake effettuerà in automatico l’overclock della GPU portando la frequenza da 416Mhz a 446Mhz. con l’installazione dell’M-kernel il Benchmark Antutu è passato da circa 16000 ad oltre 21000!

Passiamo adesso alla parte pratica.

Ricordo che queste operazioni possono danneggiare il vostro terminale, non mi assumo alcuna responsabilità per eventuali danni o malfunzionamenti. Questa guida è riferita al Nexus 7 2012 e NON alla versione 2013!!

REQUISITI:

NB: Dopo svariate ricerche non ho trovato una versione della ROM Purity per il Nexus 7 Tilapia (La versione WIFI+3G), quindi i seguenti passaggi sono validi solo per Nexus 7 Grouper (la versione solo WIFI).

PROCEDIMENTO

controllate sempre il codice MD5sum per verificare l’integrità del file scaricato, successivamente trasferite il file di ROM, GAPPS e Kernel nella memoria interna del Nexus 7 (es. cartella Download) e riavviate in Recovery.

  • Come prima operazione, verificate che i file appena trasferiti nel Nexus 7 siano accessibili dalla Recovery: selezionate “Install” e cercate fra le cartelle della memoria interna i 2 file di ROM e Kernel, una volta trovati tornate indietro alla schermata iniziale della recovery e iniziamo con il modding!
  • Dalla schermata principale della Recovery selezionate Wipe –> Advanced Wipe e dalla lista selezionate: “Dalvik cache“, “System“, “Cache” e “Data” questa operazione eliminerà ogni traccia della vecchia ROM. ATTENZIONE! NON SELEZIONARE “INTERNAL STORAGE”!! se lo farete verrà formattata la memoria interna, e vi ritroverete senza Android e senza file da poter installare che significa Brick del Nexus 7
  • dalla schermata iniziale della recovery selezionare “Install” e installate il File zip della Rom Purity
  • Selezionare nuovamente “install” e questa volta installare il file zip le GAPPS
  • Selezionare nuovamente “Install” e installare il file zip del Kernel
  • Riavviate e godetevi il Nexus 7.

Per sfruttare appieno le caratteristiche del nuovo Kernel come ad esempio l’attivazione della funzionalità TouchToWake (risvegliare il tablet con il doppio tocco sullo schermo), scaricate l’applicazione TricksterMod dal PlayStore:

Download TricksterMod | Link

TricksterMod è un’app che si occupa di gestire le funzionalità del Kernel.

Spero che la guida sia stata di vostro gradimento, se incontrate difficoltà durante il procedimento scrivetelo nei commenti.

nexus7-purity nexus7-purity2
nexus7-purity1 Nexus7-antutu