[AGGIORNAMENTO]:Versione 1.2 – Compilazione del kernel automatica, aggiornamento configurazione GRUB, accesso alla shell di sistema, PKGBUILD con MakePKG, alcuni cambiamenti… Eseguite

$ git pull

nella cartella di linuxCleaner-tools per scaricare l’ultima versione.

In questi ultimi anni il sistema operativo GNU/Linux si è sempre più diffuso tra le workstation casalinghe (i Desktop), molte persone si trovano in difficoltà ad un primo impatto con GNU/Linux (provenienti da Winzo… ehm Windows), è un sistema operativo che ancora richiede la conoscenza di comandi testuali (a linea di comando), per questo GNU/Linux è stato definito come “per Advanced Users o Utenti Abili, Programmatori, Esperti”. C’è da dire che GNU/Linux ha fatto molti progressi con varie distribuzioni come Mint o Ubuntu, che rendono tutto più semplice, (basti vedere il software center, che permette all’utente di installare pacchetti in modo semplice e non scrivendo in un prompt: sudo apt-get install pacchetto. Ma alcune volte si necessita di utilizzare dpkg o rpm che sono dei tools “manuali” per installare pacchetti manualmente che non sono disponibili nei repository.

Il canale Telegram di InTheBit con le migliori offerte techle migliori offerte tech

Le cose da descrivere sarebbero molte, passiamo oltre; oggi volevo presentarvi un mio shellscript (Bash) che vi aiuterà nel mantenere il sistema operativo aggiornato e pulito, con svariate funzioni che andremo a vedere.

Adesso vediamo come installarlo:

da chiarire:
con

$

intendo che il vostro utente debba essere non-root
con

#

intendo che il vostro utente debba essere root

da Terminale (preferibilmente in directory ~ (cioè la vostra home) )

$ git clone https://github.com/StefanoBelli/linuxCleaner-tools/

se non avete git installato:

# apt-get install git

oppure, per sistemi RedHat-based (Fedora, openSUSE)

# yum install git

per sistemi Arch Linux-Based (Antergos, Manjaro ecc…)

# pacman -S git

per scaricare nuove versioni
navigate in

linuxCleaner-tools

con cd (ChangeDirectory)

$ cd linuxCleaner-tools

ed eseguiamo

$ git pull

adesso avete una directory chiamata

linuxCleaner-tools

navighiamo in quella cartella con

$ cd linuxCleaner-tools

poi eseguiamo

$ ls

e vedremo che ci sono 2 files (LinuxCleaner e README.md), non eliminiamo ne il primo ne il secondo, anzi dobbiamo vedere che il primo abbia i permessi di esecuzioni, se

ls

restituisce “LinuxCleaner” con il colore Verde siamo OK

altrimenti:

chmod +x LinuxCleaner

per assegnare i permessi.

eseguiamo LinuxCleaner (nella directory linuxCleaner-tools)

# ./LinuxCleaner

Vediamo le funzioni di LinuxCleaner:

lcleaner->

-> Show tip:

è un “trucchetto” che vi permette di eseguire lo script semplicemente eseguendo sul terminale “LinuxCleaner”, per fare ciò è sufficiente eseguire i seguenti comandi

$ nano ~/.bashrc

in nano aggiungere la seguente riga alla fine:

export PATH=~/linuxCleaner-tools:$PATH

che serve a definire il valore della variabile PATH di Bash, ‘PATH’ serve a definire le directory dove Bash andrà a pescare gli eseguibili e sono separati da : (provate a eseguire

$ echo $PATH

, quelle sono le cartelle dove Bash va a cercare i programmi che richiamate dal prompt).
poi eseguite

CTRL+O

per salvare il tutto.

CTRL+X

per uscire da nano, uscite dal terminale con

$ exit

.

adesso vi basterà eseguire

$ LinuxCleaner

per ottenere lo script senza eseguire troppi comandi.

->  Update & check if there are useless packages

In realtà questa funzione esegue un aggiornamento dei repository, verifica aggiornamenti di tutti i pacchetti di sistema, verifica aggiornamenti della distribuzione, rimuove pacchetti obsoleti, fixa pacchetti “rotti” e le dipendenze, pulisce la cache dei repository e pacchetti.

-> Clean temporary files /tmp

Questa funzione, vi permette di eliminare il contenuto della cartella /tmp

Se verrà restituito un errore del tipo: rm * impossibile eliminare file non esistente, Files were not cleaned significa che ci sono solo directory in /tmp

-> Clear Trash

Vi permette di eliminare il contenuto del cestino

-> Update kernel

Verifica aggionamenti del kernel

->  Add repositories

Permette di aggiungere repsository a quelli che avete: funziona con apt, yum e pacman

-> Install package by your package manager

Rileva il vostro package manager, chiede quale pacchetto volete installare e lo installa attraverso il pkg manager.

-> Search packages by your package manager

Stessa funzione della precedente, ma chiede un pacchetto da cercare. Non richiede root

-> Remove package by your package manager

Stessa funzione di Install by pkg manager, ma chiede un pacchetto da rimuovere

-> Install packages by file / Remove packages by file

Installa/rimuove pacchetti tramite dpkg/rpm

-> About your system

Mostra informazioni sul sistema

-> About Developer/ About Script

Come contattarmi / Informazioni sullo stato dello script

-> Quit

Esci

(Il package manager, e il manual tool vengono rilevati automaticamente)

è possibile visionare il codice sorgente da

GitHub: repository StefanoBelli/linuxCleaner-tools

potete contribuire usando i comandi Git (si veda

$ man git

/

$ git --help

per maggiori info)

Segui i commits

GitHub: repository StefanoBelli/linuxCleaner-tools , branch master :: Commits

Cliccate qui per vedere tutti i miei repositories

Condividete il tool e magari se vi è piaciuto condividete l’articolo, seguitemi su GitHub.