Dopo tanto tempo – finalmente – arriva la nostra recensione del DOOGEE Valencia2 Y100 Pro. Purtroppo per impegni vari è passato più di un mese dall’arrivo del dispositivo alla pubblicazione (è anche vero che l’ho testato più a lungo), ma non perdiamoci in chiacchiere e passiamo subito alla recensione.
Guardate anche la nostra prima video recensione e dateci qualche consiglio su come migliorare le prossime 🙂

Il DOOGEE Y100 Pro si trova online a circa 100 Euro ed attualmente è possibile acquistarlo per soli 88 Euro su Everbuying (invece di 105) grazie al coupon Y100PRO, risparmiando così più di 17 Euro | Acquista
Scopriamo insieme se ne vale la pena!

Scatola DOOGEE Y100 Pro

Partiamo subito dando un’occhiata rapida al contenuto della scatola che, oltre allo smartphone, contiene una seconda pellicola, la guida veloce (poco utile – più che altro descrive in breve lo smartphone), il caricabatterie europeo da 1 Ampere, cavetto USB e le cuffie in-ear. Queste, purtroppo, sono sprovviste di gommini di ricambio, quindi dobbiamo farcele piacere così come sono, tuttavia la qualità dell’audio non è affatto male, inoltre il cavo è piatto per evitare che si intrecci.

FOTO – Clicca per ingrandire

Caratteristiche | 8

Le dimensioni del DOOGEE Y100 Pro sono 14.26×7.21×0.935 cm per un peso totale di 151 grammi che inizialmente si fanno sentire: in realtà non è pesante, ma le dimensioni contenute fanno sembrare un po’ eccessivo il peso; qualche grammo in meno sarebbe stato l’ideale. Discreta l’ergonomia, si tiene abbastanza bene in una mano e si raggiunge facilmente ogni angolo dello schermo. Ha un buon grip anche se i materiali non sono altro che plastica – policarbonato esattamente – nonostante la back cover abbia un effetto metallizzato, ma che di metallo non ha nulla. Quest’ultima è ben saldata al dispositivo: dopo un mese di utilizzo non si è manifestato nessun scricchiolio, ma la parte difficile (se così vogliamo dire) sta nel rimuoverla. Gli unici due colori disponibili sono argento (il nostro) e grigio (appena più scuro).

Il canale Telegram di InTheBit con le migliori offerte techle migliori offerte tech

Sotto di essa troviamo subito la batteria da 2200 mAh, anch’essa removibile, lo slot per microSD (per un massimo di 128 GB) e due slot per le SIM, una normale, una micro, entrambe 4G, compatibili con tutte le frequenze, 800 MHz inclusa; ottimo lo switch da una scheda all’altra, come ormai su quasi tutti i dispositivi che montano SoC Mediatek.

Per quanto riguarda il resto, invece, troviamo tasto power e bilanciere del volume sul bordo destro, soltanto il microfono nella parte inferiore, porta microUSB e jack da 3.5mm nella parte superiore e, infine, completamente pulito il bordo sinistro. Dietro, invece, oltre alla fotocamera da “13 MP” con flash, abbiamo la cassa piazzata in basso.

Foto – Clicca per ingrandire

Nella parte frontale troviamo la seconda fotocamera da “8 MP”, il sensore di luminosità e quello di prossimità che può tornare utile anche per gestire le ormai diffuse Air Gesture. I tasti, soft touch, sono senza retroilluminazione e, purtroppo, manca il LED di notifica al quale non riesco più a rinunciare.

Display | 9.5

Passando allo schermo, devo dire che è davvero un ottimo pannello, che merita davvero tanto. Iniziamo dicendo che è un 5″ IPS con una risoluzione da 1280×720 pixel – dunque HD – con colori più che buoni considerando la fascia di prezzo, soprattutto per quanto riguarda i bianchi.  Ovviamente il nero non raggiunge il massimo come avverrebbe su un display Amoled, ma c’era da aspettarselo.
Perfetto anche l’angolo di visione.

Foto – Clicca per ingrandire
DOOGEE-Y100-Pro-angolo-visuale-sx DOOGEE-Y100-Pro-angolo-visuale-dx

Non mancano le gesture a schermo spento e tra queste ne troviamo alcune preimpostate per svolgere ‘al volo’ determinate azioni (sblocco, musica, fotocamera, …) e altre configurabili per lanciare le nostre app preferite. Presente anche il risveglio con doppio tocco; ogni gesture è attivabile singolarmente.

Per quanto riguarda la luminosità, anche questa mi ha sorpreso tantissimo, ottima in tutte le condizioni di luce, anche sotto il sole; il sensore di luminosità fa bene il suo lavoro, donando sempre il livello di luminosità perfetto; non mancano però i riflessi, ma questo riguarda ancora la gran parte dei display in commercio. L’unica pecca di questo display è che purtroppo non è oleofobico, per niente, e tende facilmente a sporcarsi, forse un po’ troppo. Perfetto pure il touch, abbastanza preciso senza perdere un tocco. Complimenti a DOOGEE per la scelta di questo pannello (SHARP se non erro), merita tantissimo. Lo trovo addirittura migliore del display del mio OnePlus One.

Scheda tecnica e prestazioni | 9

CPU MediaTek MT6735 Quad-core 1 GHz 64-Bit
GPU ARM Mali-T760
RAM 2GB
ROM 16 GB (12+ disponibili) espandibile fino a 128GB
Display 5″ IPS OGS 1920×1080 pixel HD, 2.5D 320 PPI Gorilla Glass
Sistema Android 5.1
Fotocamera 13 MP con Flash posteriore, 8 MP anteriore
Batteria 2200 mAh (3+ ore schermo acceso)
Dimensioni 14.26×7.21×0.935 x 151 grammi
Connettività Dual SIM 4G Dual standby, GPS, A-GPS, WiFi, Bluetooth 4.0,
2G: GSM 850/900/1800/1900MHz
3G: WCDMA 900/1900/2100MHz
4G: LTE 800/1800/2100/2600MHz
Altro OTG, Hotknot, sensore prossimità, sensore luminosità, air gesture, gesture su schermo

Questo Y100 Pro è la dimostrazione che un buon terminale non si giudica affatto in base al prezzo, né tantomeno dall’hardware, che sì, è importante, ma non è determinante per quanto riguarda l’esperienza utente. Infatti come CPU troviamo un MediaTek 6735 Quad Core @1GHz affiancato da 2GB di RAM e da una GPU ARM Mali-T760 (con frequenza massima a 650 MHz). Componentistica più che sufficiente per muovere Android 5.1 grazie alla fantastica ottimizzazione da parte del produttore: difatti in questo mese abbondante di utilizzo non si è mai manifestato un singolo impuntamento del dispositivo, né riavvii o problemi vari, e i 2GB di RAM sono più che sufficienti per gestire eccellentemente il multitasking: il sistema occupa intorno ai 200MB di RAM, senza giochi in esecuzione abbiamo infatti fino a 1.5 GB liberi. Ma soprattutto, aspetto da non sottovalutare, il riscaldamento non è eccessivo nemmeno durante le sessioni di gaming intenso, nelle quali dopo aver superato i 30-60 minuti la parte posteriore diventa appena tiepida, niente che possa infastidire (tra 40° e 50° secondo CPU-Z). Durante l’utilizzo normale non ho mai avvertito nessun tipo di riscaldamento (telefono utilizzato durante agosto)

Temperature dopo sessione di gioco di 30'-40' - Clicca per ingrandire
Temperature dopo sessione di gioco di 30′-40′

A proposito di gaming, abbiamo provato Asphalt 8, il quale ci consigliava le impostazioni medie di default: le abbiamo impostate al massimo e sì, capita qualche micro lag raramente, ma tutto sommato l’esperienza di gioco è più che discreta (ho fatto diverse partite e sbloccato diversi obiettivi senza il minimo problema). Il punteggio ottenuto con Antutu Benchmark, infine, supera di poco i 19000 punti.

Ottimo anche il GPS e veloce l’aggancio ai satelliti. Manca invece l’NFC, sostituito però da Hotknot, l’alternativa di Mediatek all’NFC. Non l’abbiamo potuto testare in quanto è l’unico dispositivo che possediamo con questa tecnologia, ma in breve dovrebbe sfruttare un particolare sensore sul display per trasferire dati. Non manca però l’OTG che funziona egregiamente: testato sia con mouse che con chiavetta USB.

La memoria totale è di circa 16GB, espandibile fino a 128GB tramite scheda SD. Al primo avvio la memoria dedicata all’utente è poco più di 12 GB. Purtroppo non ho avuto modo di testare una scheda esterna, ma se non erro le app possono essere installate tranquillamente su SD

DOOGEE-Y100-Pro-memoria

Software | 9

Abbiamo già detto che a muovere lo smartphone ci pensa Android 5.1. Una versione davvero ben ottimizzata e con poche personalizzazioni da parte di DOOGEE: molto fluida, senza lag, come non mi sarei mai aspettato da un dispositivo così economico; non mi è piaciuto però lo stile delle icone e le impostazioni in nero molto acceso, ma son gusti. Poche le app preinstallate: tra queste abbiamo due browser che non garantiscono una buona esperienza di navigazione, ma si risolve facilmente con Opera.
Un’app molto interessante è invece DG Xender che permette di scambiare file in LAN col PC (accesso rapido tramite QR Code) o con altri dispositivi; nel secondo caso ci dà la possibilità di accedere ad un gruppo già esistente o di crearne uno nuovo per ospitare più device.
Bella l’interfaccia in material design, sia sul dispositivo che sull’interfaccia web, facile da usare e abbastanza completa: l’applicazione web consente di navigare nella galleria del dispositivo, ascoltare la musica, gestire tutti i file, disinstallare le app e altro ancora.

Di seguito qualche screen – clicca per ingrandire:

Web App
Dispositivo

Tra le poche personalizzazioni ho già accennato la presenza di App Permission che serve appunto a gestire quali applicazioni possono accedere a determinate funzioni (GPS, accesso registro, chiamate, fotocamera, …). Oltre a questa troviamo MiraVision, utile per gestire colori, temperatura, saturazione e altri parametri dello schermo con impostazioni già settate o manualmente. Funziona abbastanza bene la gestione di più utenti (Guest Mode di Lollipop per intenderci) che ricordo completamente assente su Elephone P7000, nonostante pare abbiano un sistema abbastanza simile.

Fotocamera | 5

Se sotto tutti gli aspetti visti finora sembrerebbe uno smartphone quasi perfetto, qualcosa che non mi ha convinto c’è: la fotocamera. Gli scatti, a primo acchito, non sembrano essere poi così pessimi, tuttavia zoomando si nota un rumore davvero elevato. C’entrano poco le condizioni di luce o quant’altro possa influire sulla qualità. Sono proprio la fotocamera e l’ottimizzazione di quest’ultima ad essere scarsi. Con o senza flash, all’interno o all’esterno… le foto non regalano molte soddisfazioni. Buono invece l’autofocus.
La fotocamera posteriore, sulla carta, è una 13 MP ma è facile notare che anche abbassando la qualità a 12 o ad 8 MP il risultato è pressoché identico. Quella interna invece è da 8 MP e anche qui si nota il rumore.
Se cercate un dispositivo con un’ottima fotocamera, il DOOGEE Y100 Pro non fa per voi. Anche se mi auguro che in futuro si possa ottimizzare con qualche aggiornamento software.

Ecco gli scatti, caricati su Google+ fateci sapere la vostra!


Audio | 7.5

Come abbiamo già visto, l’altoparlante si trova nella parte posteriore, in basso. La qualità è buona, non eccelle: il volume è abbastanza forte, ma al massimo perde un po’ di qualità e i bassi sembrano quasi assenti. Sono presenti opzioni per l’ottimizzazione che però non fanno alcun miracolo se non alterare ulteriormente il livello massimo del volume. Nel complesso nulla da lamentare, più che buono per uno smartphone che si aggira intorno ai 100€.
L’audio in capsula invece è normale, niente da dire. Lo stesso vale per il microfono, nessun interlocutore ha mai lamentato voce bassa o disturbi vari.

Batteria | 6

La batteria è nella media. Parliamo di 2200 mAh.
Il battery drain non è eccessivo e la giornata si copre tranquillamente con un uso normale, nel complesso però è difficile superare le 3 ore di schermo acceso alternando WiFi e dati.
Si può ottenere qualche minuto di autonomia in più grazie ai permessi delle app, funzione simile a quella di CyanogenMod ma non completa come quest’ultima. Funzione che trovo molto utile per app come Facebook che gravano davvero tanto sulla batteria.
Tuttavia DOOGEE vanta l’Y100 Pro come dispositivo in grado di raggiungere il 70% in appena 30 minuti!
NO. Non è vero. In un’ora, da spento, è quasi difficile raggiungere il 50%. Una ricarica completa impiega intorno alle due ore. Si nota un miglioramento soltanto con un caricabatteria da 2A.

Di seguito alcuni screen della durata della batteria. Le foto sono ordinate a due a due.

Conclusioni | 8

Nel complesso il DOOGEE Y100 Pro è davvero un ottimo Smartphone, forse il migliore nella propria fascia di prezzo (~100€). È perfetto per chi ama un dispositivo semplice ma al contempo fluido e molto stabile; un’autonomia maggiore – e possibilmente un LED di notifica – avrebbero reso perfetto (per me!) questo terminale. Perciò direi che è in grado di soddisfare una buona parte di utenti.
Non è invece lo smartphone ideale per coloro i quali amano particolarmente la fotografia per quanto abbiamo visto poco sopra.

Se siete interessati a questo Smartphone al momento il prezzo più basso sul web è 88 Euro su Everbuying, utlizzando il coupon Y100PRO dopo averlo aggiunto al carrello. –> Acquista

NOTA: Le spese di spedizione sono gratuite e il pacco impiega circa 20 giorni per raggiungere la destinazione. In alternativa potete scegliere un corriere più veloce, pagando qualche euro in più. Per esperienza, però, vi consiglio di scegliere la spedizione gratis e di aspettare qualche giorno in più, poiché è più difficile che vengano applicati dazi doganali, al contrario di quante avviene con quella a pagamento 😉