Oggi tratteremo l’argomento della privacy che spesso viene sottovalutata: è diventata ormai prassi abituale utilizzare applicazioni che hanno la possibilità di tracciare la nostra posizione, o ancora, applicazioni che conservano nostri dati sensibili nei loro database.

Possiamo ad esempio considerare un aspetto che ci riguarda da vicino: gli operatori telefonici hanno accesso all’url dei siti che visitiamo, sanno quale sia il nostro indirizzo IP e molte altre informazioni che magari vorremmo tenere nascoste per i più svariati motivi; pensiamo anche alla moltitudine di siti web che grazie ai cookie memorizzano le nostre preferenze, ovviamente ci sono soluzioni che risolvono il problema ma tra le migliori c’è sicuramente la rete TOR ormai famosissima.

Questo sistema di comunicazione, potremmo anche dire il miglior sistema di comunicazione anonima su internet ci garantisce che il traffico generato all’interno di questa rete sia estremamente difficile da analizzare all’esterno, tutti i contenuti visualizzati sono anonimi e nessuna informazione personale potrà essere prelevata o analizzata da terzi con facilità.

il nostro traffico web attraverserà una serie di Relay sparsi per il pianeta e gestiti da volontari, che garantiscono l’anonimato delle connessioni; quando richiediamo, tramite browser, la visualizzazione di un sito web la nostra richiesta verrà rimbalzata in vari parti del mondo prima di giungere al sito in questione e aggiungendo anche che l’url viene criptato e l’indirizzo IP modificato, capiamo fin da subito quanto sia difficile capire chi abbia fatto la richiesta di accesso e chi stia visualizzando quei determinati contenuti.

TOR viene utilizzato già da moltissime persone, in particolare: bloggers che devono tutelarsi a causa della persecuzione a cui andrebbero incontro in alcuni paesi del mondo, da forze dell’ordine e da chiunque (anche in ambito professionale) necessita di un livello di anonimato abbastanza elevato.

L’applicazione ufficiale di TOR per android è Orbot | Link Play Store

una volta installata verremo guidati attraverso un wizard per la sua configurazione iniziale; Orbot è una sorta di centro di controllo dal quale potremo impostare varie opzioni per mettere al sicuro la nostra privacy, il funzionamento dell’app varia a seconda che si abbiano, o meno, i permessi di root abilitati:

orbot

SE IL NOSTRO SMARTPHONE HA I PERMESSI DI ROOT

Orbot avrà il pieno controllo delle applicazioni, potrà quindi settare in modo automatico le opzioni di connessione delle varie app come ad esempio l’inserimento di server proxy. Possiamo scegliere se applicare la modifica a tutte le applicazioni o se settarle manualmente quando se ne presenterà la necessità; possiamo inoltre rendere anonima la connessione via tethering per i dispositivi connessi al nostro hotspot o ancora potremo contribuire al miglioramento del servizio TOR cedendo una parte della nostra connessione abilitandoci come Relay (ovviamente il traffico che attraverserà il nostro Relay sarà addebitato sul nostro conto quindi con il 3g è vivamente sconsigliato abilitare questa opzione).

SE IL NOSTRO SMARTPHONE NON HA I PERMESSI DI ROOT ABILITATI

Orbot non avrà libero accesso per la modifica delle app installate sul dispositivo quindi consiglia l’installazione di alcune applicazioni programmate appositamente per interagire con Orbot nello specifico: un browser specifico per la rete TOR e una fantastica applicazione nella quale poter inserire il proprio account di messaggistica, il quale verrà reso completamente anonimo: gli account configurabili sono:

  • XMPP
  • ZeroConf
  • Google Account

quando riceveremo dei nuovi messaggi potremo impostare una normale notifica e anche un avviso sonoro proprio come una normale app di messaggistica (un po’ come pidgin sul PC)

Scarica Chat Secure | link

FOCUS: parliamo nello specifico del browser consigliato da Orbot: chi ha già usato TOR sul PC sa benissimo che tipo di browser aspettarsi; c’è da dire che questo tipo di navigazione è consigliata per visualizzare pagine di informazione, notizie, articoli, blog etc etc ma sicuramente non è indicata per visualizzare video o contenuti multimediali a causa della bassa velocità di navigazione, la quale non si avvale di grossi datacenter per smistare il traffico web, ma si appoggia su dei nodi, costituiti dagli utilizzatori stessi (e non solo) che con grande etica condividono le loro risorse per migliorare un servizio globale, ma che, per forza di cose non possono avere le stesse capacità di Google (per fare un esempio).

Scarica Orweb | Link

Tornando al browser: esteticamente è molto simile ad altri presenti nel PlayStore, è inoltre possibile impostare un homepage personalizzata, scegliere il motore di ricerca preferito, configurare i proxy per rendere anonima la connessione, scegliere da quali siti accettare i cookie ed è possibile abilitare i javascript.

la navigazione, anche se abbastanza lenta (nella nostra prova con il browser di default abbiamo raggiunto mediamente una velocita di 1.5-2Mb/s mentre da Orweb la velocità risultava sensibilmente più bassa, circa 200Kb/s) risulta piacevole, si riesce ad accedere a youtube e riprodurre video direttamente dal browser, i siti vengono impaginati in modo perfetto e viene anche implementato il resize del testo in base allo zoom della pagina.

orbot

Anche il browser quindi riesce a stupire e non preclude alcuna possibilità di navigazione, anche se è consigliato visualizzare pagine abbastanza leggere e voi che ne pensate?