In questa settimana l’azienda olandese Fairphone presenterà l’omonimo smartphone che ha già registrato 15000 prevendite, con lo slogan “Compra un telefono, comincia un movimento”. Ma mancano ancora 10000 vendite per iniziare la produzione del primo dispositivo che vuole mettere al primo posto l’uomo e non i profitti. Infatti il telefono verrà venduto a 325€ ma, cosa mai vista prima, possiamo osservare il costo della produzione, progettazione, tasse, etc qui.

Il terminale è composto da hardware di fascia media e si presenta così: display da 4.3″ (960x450p) Dragontrail, che promette una buona durata e resistenza ai graffi, CPU Mediatek 6589 quadcore a 1,2 Ghz, 16 GB di memoria interna e 1 GB di RAM, fotocamera da 8 MP posteriore e 1.3 anteriore, doppia sim e batteria da 2000 mAh estraibile che dovrebbe avere una durata maggiore dei prodotti in commercio. Il tutto è gestito da Android 4.2 Jelly Bean ma con un’interfaccia personalizzata dalla Kwame Corporation.

Come abbiamo detto, viene mostrata ogni singola spesa offrendo una totale trasparenza, questo affinché possiamo capire la differenza di prezzo dal prodotto finito al prodotto in vendita e “cercare quindi di cambiare le cose”. Viene fatta trasparenza anche sui materiali usati, Fairphone assicura che l’estrazione dei materiali primi quali tungsteno, tantalio e stagno rispetti gli standard di lavoro (sicurezza, salari, salute, diritti, ecc).

Infine, il telefono viene venduto in pacchetto davvero minimo. Nonostante offra caratteristiche niente male, nella scatola non troveremo né auricolari né caricabatteria!