Migliori ROM per Xiaomi? Ecco tutte le caratteristiche e differenze

Qual è la ROM migliore per gli smartphone Xiaomi? Chiunque si affacci al mondo del modding prima o poi si ritroverà a porsi la stessa domanda: ma allora quale ROM metto, quale sarà realmente la migliore?

quale rom scegliere per Xiaomi

Incominciamo a fugare ogni dubbio: non esiste una ROM perfetta per tutti, dipende dai propri gusti personali, dalle proprie esigenze, dal terminale in uso, etc. In questo articolo cercheremo di vedere le varie caratteristiche e differenze delle ROM più popolari. Partiamo innanzitutto con le ROM MIUI, la ROM tipica degli Xiaomi, e le varie MIUI custom con le loro features.

MIUI China e MIUI Global

migliori ROM Xiaomi MIUI

Le ROM ufficiali si dividono in 2 branchie fondamentali: la China e la Globlal. Sia la China che la Global esistono in 2 differenti versioni: Stabile e Dev (o Developer). La stabile riceve aggiornamenti all’incirca ogni mese, la dev ogni settimana. Le dev, al contrario di quello che potremmo pensare, sono mediamente stabili, non hanno bug particolari e, nel caso, vengono risolti rapidamente.

Le numerazioni seguono la data di rilascio per quanto riguarda le dev (ad esempio la dev 8.9.6 è stata rilasciata il 6 settembre 2018), mentre sulle stabili la numerazione è progressiva. Alcuni terminali nati per il mercato cinese non ricevono la Global dev come ad esempio lo Xiaomi Mi Note 3.

Passare da China a Global era relativamente facile fino all’annuncio di qualche giorno fa da parte di Xiaomi, la quale ha imposto un blocco attualmente invalicabile, pena brick del proprio smartphone. Azione irreversibile anche attraverso MiFlash (il tool della Xiaomi per flashare le ROM in fastboot). Attualmente non si conosce ancora nello specifico come si attuerà questo blocco.

MIUI CUSTOM

Miglior ROM XIaomi MIUI EU

Le MIUI custom sono tantissime ed ogni settimana ne escono di nuove. Si basano quasi tutte sulla MIUI China e come caratteristiche principali offrono maggiori personalizzazioni ed eliminazione dei servizi cinesi non fruibili negli altri paesi. La più conosciuta, almeno in Italia, è sicuramente la MIUI EU, anch’essa disponibile in 2 versioni: stabile e weekly (il termine dev viene sostituto dal più comprensibile weekly che rimanda all’aggiornamento settimanale che viene proposto).

Le features più importanti sono la possibilità di mettere temi di terze parti, il widget musica, migliore gestione della RAM, etc. Riceve la traduzione della lingua Italiano dalla MIUI.IT che, grosso modo, assomiglia molto alla EU ma è meno seguita e quindi con più possibilità di bug. Attualmente assieme alla global sono le uniche MIUI con lingua italiana e quindi preferite da molti utenti del nostro Paese.

Le altre più famose Custom ROM basate su MIUI sono sicuramente:

  1. MIUIPRO – Molto ben ottimizzata, ha purtroppo lo svantaggio di essere l’unica a pagamento (15 dollari all’anno)
  2. MASIK – Ultimamente sta avendo molti apprezzamenti da tantissimi utenti, soprattutto dai possessori di Xiaomi Redmi Note 5. Permette di scegliere cosa installare attraverso Aroma Installer come ad esempio i permessi di root, l’abilitazione di default delle API2 per installare le GCam, i mod dei suoni con Beats o Harman, l’Adblock lite o completo per eliminare le pubblicità fastidiose sui nostri browser. Purtroppo è disponibile solo in Inglese e con sviluppo per pochi terminali.
  3. Hellas (greca), AM (brasiliana su base global), MS e MIROOM (russe come la MIUIPRO e la MASIK) e chi più ne ha più ne metta. La maggior parte di queste ROM va bene, non ha bug importanti ed è supportata costantemente. Purtroppo risulta difficile comunicare con gli sviluppatori per problemi o suggerimenti.
  4. Le cosiddette ROM FARLOCCHE – ROM installate direttamente dai rivenditori internazionali per ovviare al problema della lingua su alcuni terminali, spesso piene di bloatware. Per fortuna oggi sono quasi inesistenti e il problema è praticamente scomparso

ROM ANDROID STOCK

Quale ROM Scegliere per Xiaomi - Lineage OS

  1. Incominciamo dalla più conosciuta, base di sviluppo per molte altre: Lineage OS. Continua il percorso iniziato dal firmware CyanogenMod. Stabile, reattiva e con pochi fronzoli, è perfetta per chi vuole montare una ROM pulita su cui poter aggiungere le proprie personalizzazioni e le proprie APP.
  2. AOSPExtended – Un’altra ROM pulita con qualche personalizzazione in più rispetto alla Lineage Os. Personalmente trovo sia un’ottima ROM, sempre aggiornata e disponibile per tantissimi device.
  3. Resurrection Remix – Una ROM completa che nasce dall’unione di più ROM Android. Sempre aggiornata soffre a volte di qualche bug fastidioso che non sempre si risolve in breve tempo
  4. Pixel Experience – Se vogliamo provare l’esperienza dei terminali Google sui nostri Xiaomi, non ci resta che installare questa ROM. Ha già i servizi Google di default (non dobbiamo installare le varie GApps), inoltre la ROM va benone e di solito è sempre ben ottimizzata soprattutto per quanto riguarda l’autonomia.
  5. Dot Os, CrDroid, Nitrogen, Dirty Unicorns, Mokee, etc – Essenzialmente vanno tutte bene ognuna con piccole peculiarità più o meno importanti. Alcune possono andare molto bene su alcuni terminali, altre un po’ meno. Da provare

Meglio le ANDROID STOCK O LE MIUI CUSTOM?

Anche in questo caso non c’è una risposta. Le MIUI hanno già tutto, sono ben ottimizzate e hanno bisogno di poco altro (ci basta ricordare la personalizzazione dei temi, il supporto alle dual app e il blocco app, le registrazioni delle chiamate e lo scanner integrato). Negli ultimi device inoltre sono state implementate le gesture che nell’usabilità quotidiana, soprattutto per display dalle dimensioni importanti, risultano davvero comode.

Le ANDROID STOCK, invece, hanno dalla loro una buona stabilità, le notifiche puntali che con le MIUI, soprattutto di derivazione cinese, non sono sempre perfette, e un’interfaccia pulita e comoda.

Il consiglio è quello di seguire qualche discussione sui vari forum per le ROM che più vi incuriosiscono, utile per scoprire le caratteristiche complete ma soprattutto per scoprire eventuali bug. Ma soprattutto è importante provare, ogni ROM come già detto ha caratteristiche diverse e regala un’esperienza unica.

Preferite qualche ROM in particolare? Fateci sapere nei commenti 🙂

Una volta avevo una vita. Ora ho uno smartphone e una connessione Wi-Fi.

InTheBit - Il Blog sulla Tecnologia che alimenta le tue passioni