Abilitare i permessi di root su un dispositivo Android può dar accesso ad un’infinità di operazioni utili, ma spesso può anche sembrare una pratica abbastanza complessa. Esistono vari tool per ottenere i permessi di root su Android senza PC, come framaroot, kingroot e altri ancora, però questi sfruttano una falla presente nelle vecchie versioni Android e, perciò, non sono applicabili a tutti i dispositivi, soprattutto a quelli nuovi.

Per ottenere i permessi di root su OnePlus X, quindi, non è sufficiente installare una delle tante app disponibili, ma bisogna affidarsi ad un PC e seguire diverse operazioni, quali lo sblocco del bootloader e il flash di una custom recovery. Dopodiché sarà possibile ottenere i permessi di root.

Nota: Abilitare i permessi di root su OnePlus X non invalida la garanzia, ma l’uso che se ne fa (overclock per esempio) potrebbe danneggiare l’hardware.
Tutto sta nella prudenza adottata dall’utente. InTheBit non si assume nessuna responsabilità.

Root OnePlus X: file necessari

Oltre al buon senso e a circa una mezz’oretta di tempo libero, è necessario scaricare i driver per il OnePlus X, ADB, recovery TWRP e SuperSU. Scarica tutti i file che trovi di seguito, così possiamo iniziare con la guida vera e propria. 😉

Inoltre è necessario avere: cavo originale OnePlus X, batteria carica e un backup, poiché la procedura eliminerà tutti i dati.

Root OnePlus X: preparare il PC e lo smartphone

Computer

Per prima cosa bisogna installare i driver di OnePlus X, affinché possa stabilire una connessione con il computer. Consiglio di utilizzare Windows 7, anche se le versioni superiori potrebbero andare bene. Alla fine dell’installazione, collega il tuo OnePlus X al computer e verifica che quest’ultimo lo riconosca correttamente.

Adesso possiamo installare ADB, che ci consentirà di dettare comandi tramite shell dal computer a OnePlus X, direttamente tramite cavo USB. Lancia il file scaricato, quindi digita Y – seguito da Invio – per rispondere a ogni domanda.

OnePlus X

Adesso che il computer è pronto, prendi il tuo OnePlus X e spostati nelle Impostazioni, quindi scorri fino alla fine e apri Info sul telefono. Qui devi cercare la voce Numero build, quindi “tappare” ripetutamente fino a quando non verrà fuori il messaggio: “Adesso sei uno sviluppatore“. Tornando indietro, nelle Impostazioni, appena sopra noterai il nuovo menu Opzioni sviluppatore: entra e abilita le voci Debug USB e Sblocco OEM; inserisci il codice di sblocco se richiesto, quindi premi nuovamente Ok per accettare l’avviso.

Adesso bisogna collegare OnePlus X al PC, poco dopo noterai un messaggio sul telefono che ti chiederà se permettere sempre l’accesso dal computer che stai utilizzando. Seleziona Ok.
Perfetto, tutto pronto! Puoi staccare il telefono dal PC.

Root OnePlus X: sblocco bootloader

Adesso possiamo passare al primo vero passaggio: lo sblocco del bootloader. Questa è la procedura che cancellerà tutti i dati, quindi ricordati di effettuare un backup. 😉

  • Spegni il telefono
  • Accendilo in fastboot mode; per accendere OnePlus X in fastboot mode è sufficiente tenere premuto il tasto volume su + il tasto accensione
  • Dal PC, apri Computer, spostati nella partizione di Windows (di solito “C:”) e apri la cartella adb
  • Nella cartella adb tieni premuto il tasto Shift e clicca in un punto vuoto della cartella col tasto destro, quindi seleziona Apri finestra di comando qui
  • Si aprirà il prompt dei comandi di Windows (cmd)
  • Collega il telefono e aspetta che Windows installi i driver
  • Al termine, da cmd dai il comando
    fastboot devices
  • Se i driver sono stati installati correttamente, vedrai qualcosa come nell’immagine seguente, altrimenti l’installazione dei driver non è andata a buon fine ed è necessario ripeterla. Precisamente sotto List of devices attached non apparirà nulla
    Root OnePlus X, sblocco bootloader
  • Se sotto List of devices attached viene mostrato il dispositivo, allora possiamo passare al prossimo comando, quello decisivo per lo sblocco
    fastboot oem unlock
  • Fatto! Il bootloader di OPX verrà sbloccato, i dati cancellati e al termine si riavvierà.
    Nota: se non si riavvia, probabilmente il bootloader è già sbloccato. In questo caso i dati non saranno cancellati e basta una pressione prolungata del tasto power per spegnere.

Root OnePlus X: flash recovery TWRP

Non appena OnePlus X si accenderà, bisognerà riattivare le Opzioni sviluppatore e il Debug USB, come spiegato sopra. Adesso puoi anche copiare SuperSu in una cartella del telefono, perché ti servirà più avanti, dopo aver flashato la recovery.

  • Rinomina la recovery da twrp-2.x.x.x.****.img in recovery.img giusto per semplificare il comando
  • Copiala nella cartella adb
  • Spegni il telefono, accendilo in fastboot mode e collegalo al PC
  • Prova se il telefono è stato riconosciuto con
    fastboot devices
  • Se è stato riconosciuto, flasha la recovery con il seguente comando
    fastboot flash recovery recovery.img
  • Quindi avvia la recovery con quest’ultimo comando
    fastboot boot recovery.img
  • Non riavviare il telefono!

Root OnePlus X: Nandroid Backup

Il telefono si riavvierà nella recovery TWRP, dove è possibile flashare finalmente il root, ma prima è consigliato eseguire un Nandroid Backup, ovvero un Backup completo di sistema, boot e dati, così da ritrovarlo qualora qualcosa vada per il verso sbagliato. Per farlo è sufficiente premere Backup, selezionare system, data e boot e fare uno swipe per iniziare. Non riavviare.

Root OnePlus X: flash SuperSU

Adesso che hai il tuo sistema al sicuro, puoi finalmente flashare il file necessario per attivare i permessi di root su OnePlus X! Tornando indietro nella recovery, premi Install, quindi seleziona il file SuperSU precedentemente copiato sul telefono e conferma con uno swipe verso destra. Dopo pochi secondi l’installazione terminerà, quindi sarà possibile riavviare il telefono. All’avvio il tuo OnePlus X avrà i permessi di root! 😉

Flash ROM su OnePlus X (passaggio non necessario)

Ho provato il OnePlus e devo dire che è davvero un ottimo terminale, ma OxygenOS è una ROM che proprio non riesco a digerire per le poche personalizzazioni che mette a disposizione. Se la pensi come me e vuoi installare una nuova ROM, ecco cosa bisogna fare:

  • Scarica la ROM che preferisci e le GApps in base alla versione Android su cui si basa la ROM
  • Copia la nuova ROM e le GApps sul telefono
  • Riavvia in recovery (tasto volume giù + tasto power)
  • Effettua un wipe data/factory reset
  • Seleziona Install, quindi scegli la ROM. Seleziona la voce per aggiungere un altro file, quindi aggiungi le GApps.
  • Effettua lo swipe per confermare
  • Riavvia e attendi qualche minuto fino all’accensione 😉

Nota: Seguendo attentamente la guida, il telefono non subirà alcun danno. Se qualcosa non è chiaro, consiglio di chiedere aiuto prima di iniziare.