Ti mancano i vecchi giochi del tuo Nintendo DS? Magari vuoi rigiocare una delle tante versioni dei Pokémon ma non hai la console? Niente paura! Grazie agli emulatori è possibile giocarci anche su Android, dunque senza perderci in chiacchiere vediamo quali sono i migliori emulatori NDS per Android.

Leggi anche

Premesse

Ci sono emulatori DS sia a pagamento che gratuiti. Per quanto riguarda quelli a pagamento, il migliore è DraStic DS Emulator, si trova sul Play Store a 4.49€ e può essere scaricato qui. Qui invece trovate la versione trial, molto limitata, utilizzabile massimo 30 minuti.

Io ho testato quelli gratuiti, con i quali mi sono trovato più che bene; è importante però avere uno smartphone Android (o talbet) con buone caratteristiche hardware, infatti sono richiesti minimo 2 GB di RAM affinché i giochi girino bene. Se il tuo dispositivo non soddisfa tali requisiti, puoi comunque provarli cambiando alcuni parametri dalle impostazioni; vedremo più avanti come fare.

Il canale Telegram di InTheBit con le migliori offerte techle migliori offerte tech

Emulatori DS Android

emulatore nds Android

C’è da dire che i tre emulatori gratis che ho provato sono molto simili tra di loro, quasi identici. Sul mio OnePlus One hanno tutti le stesse prestazioni; qualche differenza si trova soltanto a livello grafico (grafica applicazione, grafica tasti, ecc) e nelle pubblicità all’interno delle app: per il resto, ripeto, sono identiche, perciò il discorso vale per tutte.

Ho provato: “NDS emulator for Android”, “NDS Boy! NDS Emulator” e “nds4droid”. Prima di vedere le loro funzioni, ecco i badge per i download. La prima è quella con meno pubblicità.

NDS emulator for Android
Developer: o2s Inc
Price: Free

The app was not found in the store. 🙁 #wpappbox

Links: → Visit Store → Search Google

nds4droid
Price: Free

Giochi NDS Android: come avviarli

Giocare è semplicissimo. Dopo aver installato una delle app sopraelencate, bisogna procurarsi la ROM del gioco desiderato. Per vari motivi non posso linkare alcun sito, però basta una veloce ricerca su Google. Per esempio prova a cercare “ROM nds” o “ROM Pokémon nds”. 😉

Trovata la ROM, bisogna scaricarla sul dispositivo Android, magari nella cartella Download.

Le ROM avranno uno di questi formati: .zip, .rar, .nds, .7z
Devono rimanere così come sono, quindi non scompattare i file scaricati.

Adesso basterà avviare l’emulatore del Nintendo DS. Questo farà automaticamente una scansione veloce all’interno delle cartelle dello smartphone ed elencherà quindi tutti i giochi. Se non dovesse trovarli, è possibile spostarsi all’interno delle cartelle e aprirli manualmente.

Il display

Come ben saprai, il Nintendo DS è composto da due display: il primo, quello superiore, è dove viene visualizzato il gioco; quello inferiore offre invece comandi extra grazie al touchscreen. La stessa cosa avviene all’interno dell’emulatore. Il display dello smartphone sarà diviso in due: nella metà superiore vedremo il gioco, nella metà sottostante saranno invece visualizzati display touch e i tasti fisici virtualizzati.

Per passare dal touch ai tasti virtuali, è disponibile un tasto che fa da switch. È anche possibile cambiare e personalizzare la posizione dei tasti a nostro piacimento, spostandoli dove meglio preferiamo e impostare l’opacità desiderata fino a renderli invisibili.

Le impostazioni comunque offrono molta personalizzazione, perciò possiamo scegliere se visualizzare entrambi gli schermi o soltanto uno dei due, se abilitare la rotazione del display e se mantenere l’aspect ratio, molto utile per mantenere le dimensioni originali del gioco o per giocarci a tutto schermo! In questo caso potrebbe risultare complicato giocare, poiché in molti giochi l’utilizzo del secondo display è fondamentale.

Alcune immagini nelle quali vengono mostrati entrambi i display o soltanto quello principale

Una cosa molto positiva dell’emulatore DS, è la compatibilità con i controller: basta connetterlo allo smartphone e sarà riconosciuto immediatamente, senza nessuna configurazione necessaria. Io uso un controller iPega, funziona perfettamente ed è compatibile con la maggior parte dei giochi Android.

Leggi anche:

Salvataggi

Sono disponibili gli ‘autosave’, ovvero i salvataggi automatici, per i quali si può impostare con quale frequenza salvare i progressi del gioco. Ovviamente non mancano i salvataggi manuali, con 9 slot a nostra disposizione per ogni gioco.

Audio e video

All’avvio di un gioco ci verrà chiesto se attivare o meno l’audio; un warning avviserà che attivandolo potrebbe esserci un calo di frame, quindi a seconda del dispositivo l’attivazione dell’audio potrebbe causare un calo di prestazioni. Nelle impostazioni è disponibile un’opzione per abilitare il microfono.

Per quanto riguarda il video, invece, sono disponibili un bel po’ di impostazioni: si potrà scegliere il motore per l’esecuzione dei processi, le dimensioni del blocco JIT e quale motore usare per il rendering 3D.

Queste opzioni potrebbero quindi salvarti da un numero di frame per secondo troppo basso. Il mio consiglio è di lasciare le opzioni così come sono se i giochi girano bene e – in caso contrario – provare a cambiare una ad una le impostazioni per cercare di ottenere prestazioni migliori.

Alla fine l’emulatore che ho preferito è NDS emulator for Android per il semplice fatto che contiene meno pubblicità. Facci sapere qual è il tuo preferito e quali sono per te i migliori giochi per emulatore NDS Android!